Obiettivi

Arance selvatiche ha obiettivi che é precisi, limitati e realistici, e al tempo stesso molto ambiziosi.

Prima presentarli é doveroso esprimere in modo chiaro ció che aranche selvatiche non é.

COSA NON È OBIETTIVO DI ARANCE SELVATICHE

L’obiettivo di arance selvatiche non é  cambiare il Mondo, renderlo migliore o costruire un esempio per un futuro radioso per l’umanitá, in cui regni la pace assoluta fra gli esseri viventi. Innanzitutto perché é contrario al nostro spirito pratico. Un tale obiettivo non é compatibile con la natura mortale dell’uomo. Qualsiasi iniziativa che si ponga un tale obiettivo é sistematicamente destinata al fallimento (e la storia insegna), perché non é nel potere della specie umana la capacita di cambiare il Mondo, di cui la specie umana é solo un elemento costitutivo. Inoltre, sul fatto che un simile obiettivo costituisca il Sommo Bene, nutriamo moltissimi dubbi. Nella migliore delle ipotesi, guardiamo ai frutti (irraggiungibili) di disegni di azione che hanno come fine il miglioramento del Mondo, come un bene non necessario in questo Mondo.

Il futuro dell’umanitá, intesa come l’ insieme degli individui di specie umana, non puó essere migliorato perché é e sará sempre lo stesso: andare sotto terra e far banchettare vermi, batteri e altri microorganismi, dando almeno una volta  tutti se stessi per il bene di qualche altra creatura, e restituendo alla Terra una parte irrisoria delle sostanze di cui la si é depredata.

A nostro avviso, qualsiasi impresa che si proponga di migliorare del Mondo – ossia di farlo “progredire” – si basa su una incomprensione del Creato e su un arrogante velleitá di immortalitá. Porsi come obiettivo quello di creare un Mondo migliore – ad esempio basato sulla pace, sul rispetto e altri ideali umani – significa affermare l’imperfezione della creazione, ed essere sicuri di poter fare di meglio. La fede nel poter creare un Mondo migliore é fede nel progresso umano, che lungi dell’essere la soluzione, é piuttosto la causa di tutti i mali in cui si trova il nostro pianeta.

L’unica cosa che vi é da migliorare nel Mondo é la componente umana. Ed é forse a questo che si pensa quando si pensa a “migliorare il Mondo”. Questo fraintendimento deriva dallo scambiare il Mondo con il mondo fatto dalla totalitá di tutti gli umani, con tutto il resto della Creazione  fungente da mero sfondo alle importanti vicende umane. Questa visione antropocentrica impedisce la compresione del Mondo nella sua interezza.

Il Mondo sembra imperfetto a chi confonde il Mondo con l’umanitá e a chi  investe le proprie risorse intellettuali nella definizione di un altro mondo fatto ad immagine e somiglianza dell’uomo, piuttosto che nella comprensione di questo Mondo. Questo,  ad immagine e somiglianza dell ‘uomo non é stato creato, per il semplice fatto che (per fortuna) é altamente improbabile che questo Mondo sia stato creato dall uomo.

La componente umana é l’unica componente della Creazione che é imperfetta, perché é libera. Per migliorare la componente umana non bisogna migliorare la realtá intorno a noi, ma  migliorare noi stessi. Possiamo  migliorare solo noi stessi. Non possiamo migliora regli altri, perché ció é un atto di violenza. Un cambiamento per essere autentico puó solo essere autonomo.Per cambiare noi stessi non abbiamo bisogno di secoli di progresso umano, non si ha bisogno delle conquiste della civiltá, perché é giá tutto dentro di noi. I tanto sacrosanti  “diritti umani”, con l’annessa salsa di democrazia del 21esimo secolo  son del tutto non necessari, oltre a rappresentare una versione dell Universo del tutto ridicola: un Universo in cui la vita umana esista con un limite minimo di felicitá materiale garantito, che un creatore troppo distratto ha dimenticato di specificare quando ha creato il suo prodotto “uomo”.
Non é di alcun aiuto migliorare le condizioni materiali dell umanitá e neanche cercare di aumentare la quantitá di piacere (o mancanza di dolore) nel mondo, perché il benessere materiale non ci avvicina a noi stessi, ma ci allontana.

Non é necessario attendere o lavorare per un futuro radioso che non vedremo mai. Puó avvenire tutto in un attimo.  Basta volerlo.

COSA  È OBIETTIVO DI ARANCE SELVATICHE

È quindi obiettivo di arance selvatiche di vivere in questo Mondo cosí com’é. Non siamo siamo venuti a questo Mondo non per renderlo migliore, ma per viverci. Ció che possiamo e vogliamo rendere migliori siamo noi stessi.

L’obiettivo del progetto arance selvatiche é di condurre il resto della propria esistenza senza essere neanche lontanamente causa di privazioni e dolore ad altri essere senzienti. Il tipo di vita a cui si aspira é un tipo di vita proprio di una esistenza mortale, che ha ceduto ogni velleità di immortalitá.  Una esistenza che scorra su questo mondo senza far male a nessuno, senza lasciare tracce, e senza migliorare nulla al di fuori di se’ stessi. Come una goccia  di pioggia che scivola su una foglia.

In particolare gli obiettivi di arance selvatiche sono

  1. Vivere senza causare dolori o privazioni ad altri esseri senzienti.
  2. Emanciparsi dalla monetarizzazione dell’esistenza, ossia vivere senza aver bisogno di denaro.
  3. Proteggere la piccolissima frazione di mondo in cui si vivrá dalla monetarizzazione dell’esistenza.